Inside Off&Lie

-con il patrocinio della graziosissima maestà di Danimarca-

liberamente tratto da Amleto

di William Shakespeare

con Giulia Olivari, Veronica Capozzoli, Emanuele Tumolo

testi – Luca Serafini, Emanuele Tumolo

regia – Luca Serafini

Chi è Ofelia?

La figlia di Polonio, la sorella di Laerte, l’innamorata di Amleto principe di Danimarca.

Ofelia è l’adolescente, ingenua e un po’ già donna, vittima dell’autorità di suo padre, vittima della gelosia di suo fratello, vittima della ribellione di Amleto.

Ofelia non riesce a esprimere una propria volontà, Ofelia non sa reagire, non sa dire di no.
Ma noi, come del resto i personaggi nel dramma shakespeariano, poche volte ci soffermiamo a chiederci se, dietro il silenzio e il contegno, Ofelia non abbia una sua opinione, forte magari, su quanto la circonda e su ciò che avviene a Elsinore.

Allora siamo andati a guardarci dentro, alla sua testa. E abbiamo trovato due Ofelie, complementari, complici e nemiche allo stesso tempo, due metà che crescono insieme durante tutta la tragedia che si trovano a vivere e subire, e che affrontano con ironia e, a volte, con cinismo.

Scopriamo una ragazzina contemporanea alle prese con le verità inconfessabili della sua famiglia, con l’educazione e l’amore, con il sesso, la morte, il dubbio.

In scena due figure che sono una, Ofelia degli istinti – carnali, materni, infantili, terribili – e Ofelia della mente – del pensiero lucido e spietato.

Entrambe di fronte alla resa dei conti tra chi ha sempre manovrato i fili della sua vita. Una guerra rapida e crudele di cui lei è vittima rassegnata ma innocente, che si snoda attorno a troppe domande divenute ormai troppo evidenti per essere ignorate.

Ad esempio, dov’è la mamma di Ofelia?

I pensieri, i ricordi, le immagini piovono all’interno di Ofelia rivestendola e ricoprendola, mentre la finestra dei suoi occhi mostra al pubblico, insinuato clandestinamente nella sua intimità, un altro Amleto, un’altra Danimarca, così simile a oggi e così universale da far quasi paura.

E noi? Noi evitiamo accuratamente di prenderci troppo sul serio…

%%wppa%%
%%slide=3%%
%%size=550%%